San Martino (versione ARSM!)

San Martino, 24 giugno 1859.
Basandoci sugli antefatti della battaglia storica, abbiamo giocato il seguente scenario con gli amici del Miles Gloriosus con miniature 6mm. Regolamento Balance of Power della Crusader.

FOTO 034


A differenza di quanto avvenuto storicamente, gli Austriaci hanno il compito di attaccare i Piemontesi e prendere Castel Venzago.
I Piemontesi, con l’appoggio della divisione francese di Ladmirault, devono tenere San Martino.
La battaglia si è subita spezzata in due tronconi:
– una parte ha gravitato intorno a Madonna della scoperta, dove Francesi e Piemontesi hanno veramente dato il massimo e gli Austriaci non sono collassati solo grazie alla loro superiorità numerica.
– l’altra parte, dopo la veloce presa di San Martino, ha visto i Piemontesi sulla difensiva tra Centenaro e Castel Venzago, ma la maggior portata dei moschetti Austriaci alla fine ha avuto la meglio.

Piani di battaglia.
La sinistra austriaca, con le brigate di Gaal (6 unità di linea) Koller (5 linea) e Bils (5 linea e 1 art) deve tenere a bada la “furia francese” di Ladmirault (6 unità di linea, 1 chasseur, 1 art) che attaccherà per prendere il villaggio di Madonna della Scoperta, supportato dalle brigate Granatieri (3 granatieri e 1 art) e Casanova (1 bersaglieri, 1 granatieri, 1 cav legg).
Il grosso austriaco, divisione Berger (9 linea 1 jaeger, 1 art) e divisione Lang (16 linea 3 jager, 2 art pes, 1 art, 1 cav legg, 1 art horse) dopo aver investito e preso san Martino difesa solo dall’avanguardia della div. Mollard (2 bersaglieri, 1 linea, 1 cav legg) dovrà puntare su Centenaro e Castel Venzago.
Il grosso dell’esercito piemontese arriverò alla spicciolata e si piazzerà sulla difensiva tra Centenaro e Castel Venzago.

FOTO 001

In alto i Francesi di Ladmirault e in basso gli Austriaci di Bils. Questi cercherà di ripiegare verso Madonna della Scoperta, ma sarà agganciato e attaccato “furiosamente” dai Francesi, che impegnando 3 brigate austriache, riusciranno quasi a distruggerle, prima di essere annientati.

FOTO 005

Gli Austriaci investono san Martino, debolmente difeso dai bersaglieri di Mollard, che dopo un paio di turni soccomberanno.

FOTO 006

In alto i Piemontesi: nonostante l’inferiorità numerica, la piccola brigata Casanova si accinge a investire Madonna della scoperta difesa dalla brigata Gaal.

FOTO 006

Bersaglieri e Granatieri, sotto lo sguardo attento di Sua Maestà Vittorio Emanuele II, si prodigano in atti di valore e nonostante la gittata ridotta dei loro moschetti, riescono a prendere il villaggio, ma ne sono subito scacciati dal contrattacco della brigata Koller.

FOTO 012

Nel frattempo, la brigata Bils subisce ingenti perdite (i segnalini verdi) dai Francesi.

FOTO 014

In alto le divisioni Berger e Lang si mettono in moto verso Castel Venzago dopo la presa di San Martino …

FOTO 015

… mentre i Piemontesi ripiegano su Centenaro.

FOTO 018

Panoramica. In alto gli Austriaci si preparano a investire Centenaro, mentre in basso i Francesi stanno per investire Madonna della Scoperta dopo aver annientato la brigata Bils.

FOTO 020

Brigata Pinerolo; i Bersaglieri sono fuori foto, sempre avanti a tutti 🙂

FOTO 022

Prima che gli Austriaci assaltino Centenaro, arrivano i rinforzi Piemontesi.

FOTO 025

Gli inarrestabili Francesi danno l’assalto a Madonna della Scoperta, ma le perdite cominciano a farsi sentire anche tra le loro schiere.

FOTO 029

Gli Austriaci si tengono a distanza da Centenaro e San Pietro per sfruttare la maggior gittata dei loro fucili, quindi ai Piemontesi non resta che avanzare e ingaggiare un duello di moschetteria a distanza ravvicinata, subendo e infliggendo notevoli perdite.

FOTO 030

Una parte delle truppe di Lang si dirige su Castel Venzago, dove ha posto il suo comando S.M. il Re.

FOTO 032

In basso altri rinforzi Piemontesi; la divisione Fanti giunta appena in tempo per impedire agli Austriaci di prendere il loro obiettivo.

FOTO 033

I Piemontesi indietreggiano ordinatamente dopo aver perso San Pietro.

FOTO 034

I Francesi hanno davvero fatto tutto quanto in loro potere e cedono …

FOTO 038

… quindi Madonna della Scoperta resta saldamente in mano austriaca.

FOTO 039

Gli Austriaci sono inarrestabili, tutte le riserve piemontesi sono ormai in campo, ma San Pietro e Centenaro sono caduti e solo le truppe intorno a Castel Venzago sembrano ancora in grado di offrire un pò di spirito combattivo, forse perchè ispirate dalla presenza di Vittorio Emanuele II !!!

FOTO 043

Ultima carica disperata del Genova cavalleria, per coprire la ritirata della fanteria sabauda. Come gli altri “bei reggimenti” Nizza, Savoia e Piemonte, anche il Genova sarà sopraffatto dai cavalleggeri austriaci. Si noti che tutti i battaglioni di bersaglieri, tranne uno, sono stati annientati.

FOTO 044

Panoramica finale.
L’esercito sabaudo è in ritirata su tutta la linea, tranne che a Castel Venzago, che soccomberà prima del tramonto. Netta vittoria austriaca.

FOTO 049

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...