Saving Private Shlomo

Il carrista Shlomo Avigdobar (nella foto sotto) è scomparso dopo una serata passata in compagnia equivoca nel peggiore bar di Marjaoun. Dei simpatici tizi che non sembrano per nulla dello Shin Bet sono certi che il pilota sia prigioniero del Comando Popolare del Fronte Unitario di Liberazione del Popolo per l’Emancipazione del Proletariato, che lotta per il trionfo della rivoluzione proletaria nel quartier Mokhtadaa della cittadina libanese. Riuscirà l’eroico plotone riservisti “Leoni sciancati del Golan” a recuperare il povero Shlomo…?

 1

Il palazzo segnalato dallo Shin Bet è quello non totalmente distrutto. Il piano del samal rishon Sgrulltchak è semplice. Entrambe le kita disponibili per quest’azione avrebbero attaccato dal terreno a destra dell’autostrada: la kita rossa avanzando dritto per dritto sul palazzo, la kita blu avrebbe garantito fuoco di copertura con la MAG dalla casetta di contadini ad est del palazzo.

piano2

Ma ecco che… balagan! I nostri eroi, appena uscito il naso dal bosco, sono oggetto di un fuoco micidiale da parte di tre guerriglieri appostati uno di guardia al posto di blocco, uno sul tetto dell’edificio rovinato e, poco dopo, uno anche dal palazzo.

4

Il turai Daniel, unico rinforzo arrivato in sei mesi al ridotto plotone dei “Leoni”, si prende subito un colpo dritto in fronte! Una giovane donna dovrà farsi consolare da qualcun altro stasera!

6

Nel frattempo la squadra blu è avanzata oltre il bosco e, con una gragnuola di colpi, costringe l’unico libanese di guardia alla casetta a sdraiarsi per terra, sporcandosi la tuta nuova.

8

Sotto la guida del samal David Pakot, che prima di entrare nelle IDF di lavoro faceva l’ussaro, la seconda squadra si butta avanti protetta dal fuoco di copertura della MAG. Mentre il primo fireteam arriva di corsa al muretto e fa bianco palestinese ancora sdraiato per terra, il secondo fireteam corre a buttare due granate dentro la casetta, uccidendo sul colpo un asino. Il MAGista si porta poi rapidamente sul tetto della casetta e inizia a spazzare le posizioni avversarie, sostenendo l’avanzata della squadra blu.

7

Dei tre palestinesi che sparano sulla squadra di Sgrulltchak, quello che si sporge dalla finestra del palazzo è costretto a rientrare per i colpi della MAG, mentre gli altri due valutano di aver fatto il possibile per la rivoluzione e che forse è una buona idea ritirarsi dietro il palazzo… il samal può mandare di corsa un fireteam dentro il palazzo mentre il resto della squadra resta in copertura. Entrano sparando come matti, ammazzando al primo colpo l’unico guerrigliero a guardia del pilota Shlomo.

9

Ma ecco che, colpo di scena!, irrompe sulla scena il Primo Battaglione Meccanizzato della Brigata Centrale del Comando Popolare del Fronte Unitario di Liberazione del Popolo, ovverosia cinque tizi sul camioncino  Hyundai.

10

I “Leoni sciancati”, però, non si fanno certo sorprendere. Il turai Yitzak, brandeggiando l’RPG fregato a un palestinese la settimana scorsa, piazza una granata che manca il camioncino, ma solo di un metro. I guerriglieri, coperti dalle schegge, si lanciano a terra – va bene lo slancio rivoluzionario ma non esageriamo.

11

Gli israeliani nel palazzo ed il MAG nella casetta martellano ormai le uniche due posizioni rivoluzionarie, la casa distrutta e la seconda barricata dove si è rifugiato il Primo Battaglione Meccanizzato (o quel che ne resta). Con i miliziani impossibilitati a mettere il naso fuori, il povero Shlomo è portato via da quella brutta situazione, e l’intero plotone si ritira poco dopo. Un altro grande successo per i “Leoni sciancati del Golan”!

12

Quest’ultima foto non c’entra un accidente ma volevo mettercela lo stesso. Come regolamento abbiamo usato il grande classico Men Under Fire. Per i pezzi, tutti in 20mm, i guerriglieri libanesi sono Liberation Miniatures PLO, gli israeliani sono Stonewall, mentre Shlomo è Platoon 20. Camioncino e mitragliatrice antiaerea qui sotto, servente incluso, sono S ‘n S Models.

3

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...